Krisma Music Home Page




Krisma: Italo Disco (Alias - Il Manifesto - 2007)

From full article by Jessy Dainese published on June 2, 2007

(...) Già un paio d’anni prima d’Iconoclash, i Subsonica avevano collaborato con due icone dell’Italo/ New Wave, i Krisma, nel brano Nuova Ossessione.
Krisma and Subsonica recording "Nuova Ossessione"I Krisma (originariamente Chrisma, dai nomi dei due componenti del gruppo, Christina Moser e Maurizio Arcieri) nascono in piena epoca punk (allora erano di stanza a Londra), e ne adottano look, suoni e soprattutto atteggiamenti.

Poi agli albori degli anni ’80 ritornano in Italia e nel terzo album, Cathode Mamma, virano verso un electro-pop accattivante che non mancherà di catapultarli verso il successo. Il loro incantevole singolo Many Kisses sarà infatti uno dei tormentoni dell'estate 1980 e scalerà le chart di mezza Europa.
Oggi i Krisma sono in tour con gli amici Alberto Camerini, Righeira, e Ivan Cattaneo e stanno per pubblicare un nuovo bellissimo singolo, Isola, mixato da Franco Battiato. I Krisma sono stati senza dubbio una band anomala nella scena italiana, per molti versi dei pionieri e quindi spesso fraintesi. Gli articoli scritti su di loro dalle riviste mainstream all’epoca, riletti oggi fanno sorridere.

Ricorda Christina: “Hai proprio ragione. Mi ricordo le interviste. Da latte alle ginocchia. Come scusante, adesso, c’era la non conoscenza delle possibilità dell’elettronica, allora agli albori. Noi abitavamo a Londra ed eravamo avanzati nella ricerca dell’elettronica applicata alla musica, in Italia non se ne sapeva nulla di nulla”. I media italiani spesso poi non afferravano la forte vena ironica che caratterizzava molti artisti dell’epoca. Maurizio concorda: “L’ironia non è mai stato un progetto culturale italiano”. Anche se il nome dei Krisma viene a volte citato tra gli artisti Italo Disco (forse “per colpa” d’apparizioni televisive in compagnia di personaggi di quella scena), giustamente il duo non ci sta ad essere buttato nella stessa pentola dei vari Den Harrow, Sandy Marton, Sabrina (l’Italo più tamarra insomma).

Afferma Maurizio: “Noi siamo sempre stati contro con un po’ di schifo, non abbiamo mai avuto a che fare con quel genere, anzi lo trovavamo allora ed ancora oggi offensivo. La nostra musica, le nostre facce erano e sono tuttora interessanti, non certo quelle della Italo Disco con la quale non avevamo nulla da spartire”. “Den Harrow e Sandy Marton? Nothing to spare. Please…” sbotta Chris, “Devi ricordarti che non essendoci ancora la proliferazione televisiva libera o si andava a quelle manifestazioni o ciccia.

Abbiamo però rifiutato Sanremo con Lola. Non so, adesso, se abbiamo fatto bene o male. In quel momento ci sembrava così prezioso il nostro lavoro che non abbiamo voluto tuffarci nella pentolaccia.
Non ce ne frega un cazzo di niente delle etichette, comunque”.

Paradisco by Hong Kong Counterfeit coverI newyorkesi Hong Kong Counterfeit, duo electro formato da John Langdon e la moglie Katya Casio, sono appassionati tanto d’Italo Disco che di New Wave. Hanno realizzato per la Memory Boy Records una cover di Plastic Doll dei Dharma, e per la fiorentina S.H.A.D.O. una versione di Cathode Mamma dei Krisma.

Christina: “I nuovi musicisti ci scopiazzano, anzi per usare un neologismo forse brutto, sampelando prendono proprio gli stessi suoni. Questo potrebbe passare, ma mi sono impressionata quando gli Hong Kong Counterfeit rifacendo Cathode Mamma, nostro brano, hanno preso anche la copertina...identica. Troppo (the cover is inspired also from Clandestine Anticipation. M.). L’influenza sulle nuove generazioni è ovvia. I primi possono solo essere copiati da coloro che seguono”.

Jessica Dainese





 

News - Biography - Discography - Records - MP3 - T-Shirts - Press - Video - Photo - Podcast - Maurizio - I New Dada -
Contacts - Live - Sitemap

© Mind Lounge

Designed by MarXel